Benessere

Dieta salutare: il potere benefico e nutrizionale delle mandorle

Dieta salutare: il potere benefico e nutrizionale delle mandorle
Il nocciolo è la parte commestibile della pianta delle mandorle, l’Amygdalus communis, un arbusto simile al pesco che cresce, sin dai tempi antichi, nel bacino del Mediterraneo e in Asia minore. Ne conosciamo di due tipi principali: le mandorle dolci, che sono le più importanti dal punto di vista nutrizionale e le mandorle amare, di piccole dimensioni e leggermente tossiche che possono, tuttavia, essere usate in piccole quantità nella produzione di liquori e di amaretti.
 

I benefici delle mandorle: vitamine, minerali e proprietà

 


La mandorla è povera di vitamina A, contiene acidi grassi insaturi ed è dotata dell’enzima emulsina che agevola la digestione degli amidacei.

È ricchissima di vitamine del gruppo B (tiamina, riboflavina, niacina, acido folico), di vitamina E (fra i migliori antiossidanti) e di sali minerali (magnesio, potassio, ferro e calcio), che la rendono un alimento particolarmente adatto per riequilibrare strutturalmente il tessuto nervoso e reintegrare carenze nutrizionali.

Per il contenuto di rame e zinco, la mandorla è attiva in una serie di meccanismi biochimici del corpo: incrementa la sintesi di insulina da parte del pancreas, è poi utile per le anemie per l’apporto contemporaneo di ferro.

Per la concentrazione e la ricchezza di tutti i suoi nutrienti, la mandorla aumenta la forza vitale e l’energia generale dell’organismo, per cui può essere utile per combattere la stanchezza e può essere utilizzata anche nell’alimentazione dei pazienti oncologici.

I vantaggi del consumo della mandorla sono quindi molteplici.
Numerosi studi si sono focalizzati sull'efficacia della riduzione del colesterolo LDL e quindi sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari, ma sono stati osservati benefici anche a carico della riduzione della pressione, della circonferenza vita o della gestione del peso corporeo.

Di particolare interesse il potere saziante che la rendono perfetta nelle diete: una ricerca sul consumo di mandorle come spuntino di mezza mattina ha, infatti, evidenziato come esse regolano l'appetito contribuendo a limitare l'apporto calorico rispetto a uno spuntino equivalente in energia e peso (cracker salati) o di peso equivalente di acqua (controllo energetico zero).
 

I valori nutrizionali delle mandorle: quante calorie ci sono?



1-mandorle-calorie-e-valori-nutrizionali.png
2-proprieta-delle-mandorle.png
3-mandorle-vitamine.png
4-mandorle-acidi-grassi-(1).png5-mandorle-proprieta.png
6-mandorle-proprieta-nutrizionali.png

 


Le mandorle in cucina: uso, conservazione e consigli utili



La mandorla si consuma al naturale e costituisce anche un ingrediente fondamentale in pasticceria, dove viene impiegata intera, tritata o ridotta in farina per la preparazione di torroni, torte, creme, croccanti, confetti e dolci a base di pasta di mandorle. Dai semi si ricava il latte di mandorle molto nutriente e dissetante, usato come bevanda e per la preparazione di gelati, sorbetti e granite.


Come si conservano le mandorle? Secche o sgusciate?



Le mandorle si conservano secche: in questa versione, durano anche 6 mesi se riposte in un luogo fresco e asciutto. Sgusciate, ridotte in granella, polvere o in farina hanno, invece, una durata molto breve (l’olio irrancidisce facilmente se esposto all’aria e gli aromi sono molto volatili). In questa versione, vanno conservate in contenitori a chiusura ermetica e consumate il prima possibile. Le mandorle possono anche essere congelate.



Con cosa le abbino? Associazioni nutrizionali e ricette particolari



Assodato, quindi, che le mandorle fanno bene, non fanno ingrassare e, anzi, sono ideali in una dieta sana ed equilibrata, per chi soffre di colesterolo alto o di pressione alta, ecco alcune associazioni nutrizionali:

  • Un piatto di spaghetti con sugo di pesce e mandorle crude;
  • pesce fresco con impanatura di mandorle;
  • un contorno di verdura e una porzione di frutta fresca con mandorle.
 
 

Plumcake con farina di mandorle, miele e fragole



Ingredienti:
  • 300 gr di fragole;
  • 180 gr di farina;
  • 180 gr di miele;
  • 80 gr di yogurt bianco;
  • 75 gr di mandorle intere sgusciate;
  • 3 uova;
  • 40 ml di olio di semi;
  • 1 bustina di lievito.
Procedimento:

Sbattere le uova con il miele, unire anche l'olio e lo yogurt. Ridurre le mandorle in farina.
Unire la farina, le mandorle, il lievito e le fragole tagliate a fettine e versare in uno stampo leggermente oliato. Cuocere circa 40 minuti a 180°C forno statico.


 

Pausa fresca: indivia belga, uvetta, mandorle e aceto balsamico



Ingredienti:
  • 250 gr di indivia belga;
  • 1 cipolla;
  • 25 gr di uvetta;
  • 15-20 gr di mandorle intere;
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva;
  • 2 cucchiai di aceto balsamico;
  • sale q.b.

Procedimento:

Lavare e tagliare l’indivia belga.
Mettere a bagno l'uvetta in acqua calda.
Tostare le mandorle in padella in modo leggero.
Rosolare la cipolla con poca acqua, e poi aggiungere l’indivia belga facendola appassire.
Quando inizia ad ammorbidirsi aggiungere l'uvetta strizzata e le mandorle.
A cottura quasi ultimata sfumare con aceto balsamico, lasciare asciugare e servire.

Firma-da-mettere-in-tutti-gli-articoli.png

Scopri tutta la gamma prodotti di Fresco Senso...

Sfoglia il catalogo
Logo Fresco Senso
è un marchio
Logo Agribologna